Presentazione

“Galileo era usato di dire, che il vino è un composto d’umore, e di luce” Lorenzo Magalotti, Lettere scientifiche, ed erudite, Firenze 1721

"Il buono nel bello" non è uno slogan fantasioso. I Migliori Vini Italiani, toscani in particolare, fruibili e in mostra fra i capolavori della scienza dell'Italia e del mondo, sono in questo evento una meravigliosa entità sensoriale da sperimentare. Con i sensi e con la mente. Godendo dell'effondersi dei profumi dei nostri migliori vini e insieme contemplando la genialità fatta applicazione scientifica dell'umana espressione.
Galileo amava il vino al punto da dedicargli memorabili, profonde, poeticissime righe e sono convinto che sarebbe stato felice di sapere il museo dedicato al suo nome, e che custodisce le sue preziose testimonianze, arricchito dai migliori tesori enologici di Toscana e d'Italia.
Luca Maroni

La scienza, la tecnica e la cultura del vino appartengono agli orizzonti esplorati dalla comunità di ricercatori che anima le attività del Museo Galileo. Non a caso, l'istituzione fiorentina ha realizzato nel 2010 la mostra Vinum Nostrum. Arte, scienza e miti del vino nelle civiltà del Mediterraneo antico, allestita con grandissimo successo di pubblico in Palazzo Pitti a Firenze.

 

Risorse correlate