Home > Press room > News > GALILEO. INFINITI NOVI MONDI: scene da concerto di Federico Bonetti Amendola
GALILEO. INFINITI NOVI MONDI: scene da concerto di Federico Bonetti Amendola

Venerdì 17 novembre 2017 ore 19:00

Concerto organizzato da Club Imprese per la Cultura di Confindustria Bari e BAT con Aer Arts Associazione presso lo stabilimento Tecnoacciai a Bari

"Galileo. Infiniti novi mondi", la nuova creazione musicale di Federico Bonetti Amendola, composta con la collaborazione scientifica del Museo Galileo e la consulenza ai testi di Sara Bonechi, si ispira alla personalità umana e scientifica di Galileo e si articola in scene da concerto per baritono, attore e piccola orchestra.

Il filo conduttore, narrato da William Volpicella, è un racconto basato sugli scritti dello scienziato che rievoca gli eventi salienti della sua vita. Il baritono Giuseppe Naviglio sarà la voce di Galileo, con l’orchestra Santa Teresa dei Maschi diretta da Sabino Manzo.

Le memorie assalgono Galileo mentre, solo e cieco, è nella casa in Arcetri, carcere della sua vecchiaia. Vividi sono i ricordi: la figlia Virginia e il dolore per la sua morte, la sentenza emessa dal Sant’ Uffizio, l'aspro contrasto tra scienza e teologia e poi osservazioni, scoperte, “inventioni”, esperimenti, strumenti.

Galileo abbraccia l’Universo nella sua mente e, nel finale, ne sembra presagire quelle voci profonde e quei segnali estremi che oggi la scienza, anche grazie a lui, sa cogliere nel suo inarrestabile viaggio verso infiniti «novi mondi».

L’opera sarà presentata in anteprima il 17 novembre 2017 a Bari. L’evento, organizzato dal Club Imprese per la Cultura di Confindustria Bari e BAT con Aer Arts Associazione di Milano, si svolgerà all’interno dello stabilimento di Tecnoacciai, insolita ma suggestiva location per un concerto. La serata si chiuderà con una conversazione tra la giornalista scientifica Elisabetta Durante, la Vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Speranza Falciano e l’imprenditrice Claudia Marciano, su Galileo Padre della Scienza Moderna e Padre dell’Innovazione.